15 agosto 2015

Salento

Post by Daniela Agrò

Salento

La regione del Salento è compresa tra la provincia di Brindisi, Lecce e Taranto e si suddivide tra il mar Ionio e Adriatico

Io preferisco la zona del mar Ionio in provincia di Lecce, anche se il suo clima rispetto alla zona del mar Adriatico è un po’ più umida, ma questo dipende dalle annate di caldo.

Le coste si alternano con bianche spiaggie sabbiose e scogli piatti dove, solo gli abitanti del luogo riescono a fare il bagno, i turisti preferiscono le spiagge sabbiose, sono tenute molto bene soprattutto se vicino a ai  lidi a pagamento ed offrono servizi di ristorazione.

Il paesaggio è molto vario, meravigliose coltivazioni di ulivi secolari si estendono su tutte le campagne e si alternano con alberi da frutto e cactus.

Il mare è cristallino, nella zona di Portocesareo c’è una delle tante riserve  protette, dove si possono fare  attività e percorsi subacquei.

Caratteristiche sono le torri costiere anticamente costruite per proteggere dalle invasioni dal mare nella foto è torre Lapillo, vicino a Portocesareo

Qui ci sono dei buonissimi ristoranti di pesce e bar dove preparano dei semifreddi di gelato artigianali da non perdere, come quelli del Principe e dell’Imperatore i due bar dove la sera la gente si accalca per degustare i loro gelati.

Il pesce si trova in abbondanza, c’è proprio la via delle pescherie dove sia di giorno che di sera si trova il pesce e i mitili freschissimi a prezzi bassi.

La città di Lecce costruita nel periodo dei romani, vale la pena visitarla,i suoi vicoli in stile Barocco sono particolarmente attraenti e romantici, il suo duomo risale al periodo romano, ma fu rimodernato nel periodo barocco, troviamo dunque a confronto due stili, il romano ed il barocco.

La cucina è ottima, i piatti tipici sono tanti, dai rustici ai piatti di mare alla pasta è un continuo scoprire di gusti ed i vini del salento che dire, dai rosè ai rossi ed ai bianchi è possibile trovare ottime cantine dove degustare e poter comprare il vino, un consiglio non comperate olio e vino dal primo contadino per strada non sempre si hanno delle belle sorprese.